COSA FARE PER AVERE UN SITO A NORMA DI LEGGE

COSA FARE PER AVERE UN SITO A NORMA DI LEGGE

Quando si vuole sviluppare un progetto online è necessario preoccuparsi anche dell’aspetto normativo se non si vuole incorrere in sanzioni.

Quanti di voi hanno hanno un sito web professionale e conoscono esattamente i dati che per legge vanno pubblicati all’interno dello stesso?

Informativa sulla Privacy per gli utenti del web

E’ fondamentale che ogni sito web abbia una informativa sulla privacy come indicato dall’art. 13 del D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (“codice in materia di protezione dei dati personali”), cioè una dichiarazione di come vengono trattati i dati dell’utente.

La normativa è sicuramente molto complessa ma, in sintesi, è necessario:

-dichiarare il titolare del trattamento dei dati
-indicare eventuali responsabili al trattamento
-indicare il luogo del trattamento dei dati
-indicare il tipo di dati trattato, le modalità del trattamento e i diritti degli interessati.

Ci sono, poi, alcuni dati per i quali è necessario ottenere un consenso per poterne effettuare il trattamento e ci sono dati più o meno sensibili. In questo caso, le sanzioni sono molto pesanti e vanno dai 6.000 euro in su.

Obbligatorio, quindi, che il proprio sito web abbia la pagina di privacy, inserendo anche una dicitura specifica come la seguente: “effettuando l’invio di questa richiesta, viene in automatico accettata la nostra informativa sulla privacy”.

Informativa sull’utilizzo dei cookie da parte del sito web

I cookie sono file di piccole dimensioni che vengono memorizzati all’interno del proprio computer quando si visita un sito web. Quest’ultimi utilizzano i cookie per personalizzare l’esplorazione degli utenti e raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito.

Quando i siti sono attendibili, i cookie contribuiscono a migliorare e velocizzare la navigazione.

Ecco un elenco di alcuni utilizzi frequenti di cookie:

  • login di sessione
  • processi di acquisto e-commerce
  • analitica e statistiche
  • navigazione sui siti moderni

La normativa

Il 4 giugno 2014 il Garante della Privacy, con un provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, ha individuato le modalità semplificate per informare gli utenti sull’uso dei cookie all’interno dei siti web, fornendo indicazioni per acquisire il consenso quando richiesto dalla legge.

Il provvedimento si riferisce ai cookie di profilazione, sui quali è richiesto un consenso da parte degli utenti alla loro installazione sui propri terminali, dando a quest’ultimi la possibilità di manifestare un consenso libero e consapevole in modo semplice e agevole.

Per questo tutte le aziende dotate di un sito web hanno l’obbligo di adeguarsi quanto prima alla normativa già in vigore, aggiornando il portale con gli strumenti atti ad una corretta informazione dell’utente e accogliendo la sua preventiva autorizzazione all’utilizzo dei cookie.

 

 

Le sanzioni previste

 

Per il caso di omessa informativa o di informativa che non presenti gli elementi indicati, oltre che nelle previsioni di cui all’art. 13 del Codice, nel presente provvedimento, è prevista la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 6.000 a 36.0000 euro (art. 161 del Codice).

L’installazione di cookie sui terminali degli utenti in assenza del preventivo consenso degli stessi comporta, invece, la sanzione del pagamento di una somma da 10.000 a 120.000 euro (art. 162, comma 2-bis, del Codice).

Se leggendo questo articolo ti sei accorto che il tuo sito web non è perfettamente in linea con la normativa vigente o vuoi avere maggiori informazioni, clicca qui per contattarci.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *